Rendere gli alunni più competenti? Un “gioco”… da ragazzi!

Da quando i Programmi scolastici sono stati sostituiti dalle Indicazioni Nazionali, si è cominciato a parlare di “competenza”per indicare una progettualità che considerasse la persona nella sua globalità. Da ciò si deduce che Il fulcro della competenza motoria è l’integrazione di conoscenze (i saperi), di abilità motorie (il saper fare) e di comportamenti (il saper essere) sulla base delle capacità personali. Secondo la Rivista “Educazione fisica e sportiva ed educazione integrale della persona” , Il termine competenza motoria riguarda, congiuntamente, l’essere e l’avere della persona e l’educazione fisica, correttamente proposta sul piano metodologico, si caratterizza per la varietà di contesti in cui tale rapporto è sistematicamente richiamato. In particolare il gioco è il motore principale per educare la mente, educare il corpo. Se noi riusciamo a coinvolgere gli studenti dal punto di vista sia cognitivo che motorio (farli cioè pensare prima di muoversi) il movimento sarà maggiormente interiorizzato e il ragazzo saprà meglio adattare le abilità motorie e sportive acquisite in situazioni diverse.  Inoltre quando i ragazzi giocano, provano emozioni e quindi sono più motivati ad apprendere. L’insegnante così, scegliendo con cura il gioco più adatto, potrà perseguire più facilmente qualsiasi obiettivo programmato.

2 thoughts on “Rendere gli alunni più competenti? Un “gioco”… da ragazzi!

  1. I Ԁo agree with all of the concepts you’ve introduced on yoᥙr post.
    They’re very convіncing аnd wіlⅼ certainly work.
    Stiⅼl, the posts are too quick foг beginners. Could you please extend
    them а bit from next time? Ꭲhank yоu for the post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *